E’ nel cuore torbido delle istituzioni che vanno ricercati i mandanti

Di Salvo Ognibene

http://salvatoreognibene.blogspot.it/

Da “2 agosto 1980″, strage di Bologna

Stazione di Bologna: 2 agosto 1980, ore 10:25, nella sala d’aspetto di 2ª classe della stazione di Bologna, un ordigno a tempo, contenuto in una valigia abbandonata, esplose.
Un boato , 85 morti, 200 feriti e le lancette di quell’orologio che si fermarono.
Per la Stragepolitica di Bologna esiste una verità giudiziaria. Condannati come autori materiali della strage i terroristi di destra Giuseppe Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, che, ad ogni modo, continuano a dichiararsi innocenti.
Sui mandanti, invece, non esistono certezze.

 

“E’ nel cuore torbido delle istituzioni che vanno ricercati i mandanti” recita il manifesto dell’associazione delle vittime del 2 agosto  per il 32° anniversario ricorso ancora senza verità.
L’associazione dei parenti delle vittime nata con lo scopo di “ottenere con tutte le iniziative possibili la giustizia dovuta”.

 

DIECIeVENTICINQUE a Bologna vuol dire qualcosa.
E’ un simbolo, un orologio interrotto con quelle ferme lancette che stiamo provando a rimettere in moto. Quell’orologio è il simbolo di una storia, che ci unisce e che da nord a sud ci rende uguali.
Bologna come Palermo. Palermo come Bologna. Due città tanto vicine quanto lontane, vicine come le verità mancanti, lontane come quell’aereo che non arrivò mai a destinazione ma che si squarciò in volo e scomparve in mare, nei pressi di Ustica.
Verità che mancano, troppe. Pezzi dello Stato che segnano la storia, negativamente, tra depistaggi, servizi segreti , piani oscuri e un popolo, un paese, da sud a nord che lotta insieme ricercando sempre la pubblica verità. Nord e sud, partigianeria e rivoluzione antimafia, unite da un’unica resistenza.

 

Pertini, che in quel tragico sabato si recò subito nella città felsinea, in lacrime affermò: “non ho parole, siamo di fronte all’impresa più criminale che sia avvenuta in Italia”.
Dopo due anni di assenza, le istituzioni nazionali tornano a Bologna ma soltanto in parte. Non si presenteranno sul luogo della strage ma presenzieranno soltanto alla ricorrenza in Comune.
 Come a dire, lo Stato c’è ma non troppo.

One comment on “E’ nel cuore torbido delle istituzioni che vanno ricercati i mandanti

  1. [...] E’ nel cuore torbido delle istituzioni che vanno ricercati i mandanti [...]