E come sangue e non va via

Di Antonella Beccaria

È come sangue e non va via
2 agosto 1980: la strage, le vittime e la memoria

 

Anche quella di cui si parla in questo libro è una ferita della storia. Ma lo scopo, questa volta, non è raccontare le vittime delle istituzioni, ma le persone comuni – erano ottantacinque – che il 2 agosto 1980 entrarono in una stazione per non uscirne più. E raccontare anche dei duecento feriti che si sono rialzati conservando a vita, dentro e fuori, le cicatrici impresse da quei fatti.

Scarica l’e-book da qui gratuitamente

Qui il nostro mensile sulla strage di Bologna

Comments are closed.