UNLEARNING, il film manifesto della sharing economy approda a Bologna

Se lasciassimo la nostra casa di città “disimparando” la religione del comfort per condividere i tempi e gli spazi con chi ha un concetto diverso di famiglia? Come vedremmo la nostra vecchia vita al nostro ritorno? E, soprattutto, la vorremmo ancora?  Sono queste le domande che hanno spinto una famiglia di città a viaggiare per 180 giorni con poche centinaia di euro alla ricerca di un nuovo stile di vita di un modo diverso di crescere i figli.


Unlearning
è il titolo del documentario autoprodotto che racconta questo viaggio attraverso ecovillaggi e comunità per conoscere chi ha avuto il coraggio di cambiare. 
Per realizzare il progetto Lucio, Anna e Gaia hanno usato il baratto, scambiando competenze, casa, oggetti e tempo. Senza una macchina a disposizione, hanno dovuto arrangiarsi con il carpooling, percorrendo oltre 5000 km in compagnia di sconosciuti. Nessun unlearningoperatore, fonico, produttore o assistente: sono bastate le competenze professionali di papà Lucio e la spontaneità delle riprese della figlia Gaia, punto di vista principale del racconto.

Da qualche settimana, Lucio e famiglia sono in tour per l’Italia per diffondere questo film-manifesto della sharing economy. Anche in questo caso la modalità è singolare: la diffusione nelle sale e la prenotazione dei biglietti per la visione del documentario avviene attraverso Movieday, la piattaforma web che consente a chiunque di autodistribuire il proprio film. Sarà necessario raggiungere una soglia minima di 30 partecipanti affinché la sala cinematografica si impegni a proiettare il film.

A Bologna sono previste ben tre date, tutte alla presenza del protagonista/regista: il 27 febbraio alle 15 presso il Cinema Lumière, l’8 marzo alle 21 e il 10 marzo alle 18.30 presso il Cinema Teatro Galliera. 

Comments are closed.