Tag: Francia

Dati e statistiche sull’accoglienza in Europa e in Francia

Di Tommaso Pieri

_DSC2551

L’Europa negli ultimi anni è stata fortemente interessata dal fenomeno migratorio. Secondo UNHCR nel nostro continente sono presenti 65,3 milioni di migranti, di cui 21,3 milioni sono rifugiati. Solo nel 2016 sono arrivati dal mare 355.361 migranti.
Secondo i dati di Eurostat, il sito ufficiale di statistiche dell’Unione Europea, i richiedenti asilo per lo più entrano in Europa da quattro stati precisi.
La Finlandia per poi poter cercare fortuna ed una sistemazione nei ricchi paesi scandinavi. La Bielorussia avendo come obiettivo quello di raggiungere principalmente la Germania o la stessa Scandinavia. Gli altri due stati frontalieri maggiormente colpiti sono: la Grecia, per poi attraversare la penisola Balcanica con la speranza di poter raggiungere la Germania, e l’Italia per poi raggiungere ancora una volta la Germania, attraverso il Brennero,  o la Francia, attraverso la città di confine Ventimiglia. Una volta arrivati in Francia non tutti i migranti scelgono poi di rimanerci, alcuni di loro ,per motivi di ricongiungimento parentale, proseguono il loro viaggio con l’obiettivo di oltrepassare la manica ed insediarsi poi nel Regno Unito.
Sempre a livello di statistiche Eurostat, ecco a voi quali sono gli stati i paesi con più richieste d’asilo nel 2015:
1) Germania: 1.544.848 

2) Regno Unito: 631.452

3) Francia: 363.869    

4) Spagna: 342.114

5) Italia: 280.078      

Ma qual è lo Stato veramente responsabile dell’accoglienza dei migranti?

La risposta a questa domanda è data dal regolamento di Dublino, un regolamento che vale per tutti i paesi dell’Unione Europea con l’aggiunta di Islanda, Svizzera , Norvegia e Danimarca.
Secondo il suddetto regolamento di Dublino, lo Stato incaricato di trattare la richiesta d’asilo è quello che ha avuto maggior importanza durante il viaggio del richiedente asilo. Questa importanza è stabilità attraverso 3 indici: paese d’ingresso in Europa, dove al migrante è richiesto di lasciare le impronte digitali; paese dove eventualmente abitano i propri prossimi, in tal caso vi sarà più possibilità di ottenere  il ricongiungimento familiare; ed infine il paese che gli ha rilasciato il visto. Il sistema di rilascio delle impronte è gestito grazie ad una banca dati chiamata Eurodac, in cui è riportato dove il richiedente ha rilasciato le sue impronte digitali.
I migranti, molto frequentemente, preferiscono evitare che stati colpiti molto duramente dalla crisi economica come Italia e Grecia, trattino la loro richiesta d’asilo. In questi stati rischierebbero, a causa dei pochi fondi disponibili per gestire l’accoglienza, di subire trattamenti inumani e degradanti. In quest’ottica vi è presente un’eccezione alla suddetta regola. Eccezione che ha come obiettivo quello di tutelare gli stati aderenti al trattato, che in quel momento si trovano, a causa di difficoltà varie, nell’impossibilità di accogliere nuove persone. Se  lo stato che, in diritto, dovrebbe occuparsi della richiesta di asilo, si trova nell’impossibilità di trattarla, allora sarà il paese dove il migrante ha fatto la richiesta d’asilo a dover trattare questa domanda, anche se non si tratta dello stato dove il profugo avrebbe dovuto rilasciare le proprie impronte digitali.
Il regolamento di  Dublino è stato oggetto di varie critiche, in primis quella di non predisporre un’equa ridistribuzione dei migranti negli stati membri, dando troppa pressione agli stati d’ingresso.  

Al momento è in discussione al Parlamento Europeo una revisione del suddetto regolamento. In questa revisione vengono mantenute le precedenti disposizioni riguardanti la scelta dello stato incaricato del trattamento della domanda, ma in aggiunta vi è un supporto di un algoritmo. Questo algoritmo calcola il numero di richieste che ogni stato aderente al trattato può studiare. Il suddetto numero è calcolato basandosi per il 50% sulla taglia del paese, dunque popolazione e dimensioni, e per l’altro 50% sul P.I.L. Il 150% del risultato ottenuto seguendo questo algoritmo corrisponde alla quantità massima di domande che ogni paese è in grado di trattare.

– FRANCIA

Come abbiamo visto la Francia è il terzo paese in Europa per richieste d’asilo nel 2016.
Ma come funziona l’accoglienza in Francia?
Nello studio della gestione dell’immigrazione in Francia il testo di riferimento è il C.E.D.E.S.A., “le code de l’entré et du sejour  des étrangères et du droit d’asile”.
Secondo il suddetto codice la Francia assegna lo status di rifugiato seguendo i  canoni  della Convenzione di Ginevra. Secondo la convenzione è da considerarsi rifugiato chiunque nel suo paese d’origine venga perseguitato per motivi di religione, sesso, razza o convinzioni politiche e che si trovi al di fuori del proprio paese perché non possa domandargli protezione per impossibilità o per paura.  Le persecuzioni consistono o in degli atti di particolare gravità oppure in atti che anche se non hanno un’estrema gravità sono comunque ripetuti varie volte nel tempo. Queste persecuzioni devono comportare una violenza che può essere sia fisica che morale, cosi come provenire da atti giurisprudenziali o amministrativi.

Secondo l’articolo 712-1 CESEDA l’asilo può essere assegnato anche tramite la protezione sussidiaria. E’ titolare del diritto alla suddetta protezione chiunque si  trovi in un un paese dove sia in atto un conflitto interno o abbia preso parte ad un conflitto internazionale, chiunque rischi di subire torture o atti inumani o di essere vittima della pena di morte. Come si noterà né questa protezione né lo status di rifugiato sono attribuiti a coloro che lasciano il loro paese a causa dell’estrema povertà o dell’impossibilità di trovare un lavoro stabile.
Ma come funziona esattamente la procedura di accoglienza in Francia? Ecco due linee guida:

Il  richiedente asilo lascia la sua domanda alla prima autorità amministrativa disponibile.
Questa autorità ha l’essenziale compito di stabilire se, secondo Dublino, è la Francia lo stato competente al trattamento della domanda. Se l’ “exagon” non risulterà competente il migrante avrà la possibilità di restare in Francia, per un massimo di sei mesi, fino all’individuazione del paese responsabile. Se invece lo stato competente risulta la Francia egli potrà risiedervi fino alla conclusione dell’esame.

L’ organo incaricato di studiare la domanda di asilo è l’ “Ufficio francese della protezione dei rifugiati ed apolidi”. L’ufficio ha varie possibilità:
1) La procedura accelerata:  Questa procedura è caratterizza da un immediato rifiuto dell’asilo. L’ufficio non studierà nemmeno la domanda. Infatti il richiedente asilo potrebbe costituire una grave minaccia all’ordine pubblico, aver dichiarato il falso o rilasciato falsi documenti d’identità oppure potrebbe palesemente venire da un paese sicuro, nel quale non rischia di subire persecuzioni o violenze derivanti da un conflitto.
2) L’irricevibilità: L’articolo 723-11 sottolinea come sia irricevibile, e quindi non considerata sotto il profilo contenutistico e sostanziale, la domanda di asilo di un migrante che ha già fatto la stessa richiesta ad un altro stato dell’Unione Europea.
3) Lo studio della richiesta: In questo caso l’ufficio per la protezione dei rifugiati e degli apolidi studierà in concreto e nel dettaglio la domanda d’asilo. Per fare ciò deve ottenere tutte le informazioni necessarie ad uno studio completo ed è per questo si svolgerà un colloquio personale tra il funzionario delegato ed il richiedente asilo. Dopo questo colloquio l’ufficio farà la sua decisione basandosi sulla situazione del paese d’origine del migrante e sulla sua storia personale.
4)Chiusura: La chiusura è quando l’ufficio interrompe lo studio della richiesta d’asilo. Per l’articolo 723-14 del C.E.D.E.S.A. vi sono 3 possibili casi: la volontà espressa del richiedente di rinunciare alla domanda, che lo stesso non sia andato al colloquio o che non abbia dato le sue generalità e residenza. Entro 9 mesi la domanda può essere riaperta, passato quel termine la chiusura diventerà  definitiva.


Durante l’individuazione dello stato competente o l’esame della domanda i migranti alloggeranno nelle strutture adibite all’accoglienza, che possono essere sia alberghi che strutture di persone morali incaricate dallo stato. Il richiedente asilo non può rifiutare o abbandonare l’alloggio a lui assegnato perché in questo caso perderà completamente il diritto ad una sistemazione.  L’allocazione dei profughi è stabilità seguendo gli schemi nazionali e regionali. Questi schemi sono delle disposizioni regolamentari che stabiliscono le modalità di accoglienza e quanti migranti possono essere accolti per zona della Francia. Chi si occupa dell’accoglienza riceverà un finanziamento statale. Quando un richiedente asilo ottiene lo status di rifugiato o la protezione sussidiaria egli deve lasciare l’alloggio immediatamente, a meno di eccezionali prolungamenti.

Gli stranieri possono, per varie motivazioni, essere obbligati a lasciare la Francia. Ad esempio se sono entrati clandestinamente, se il loro visto è ormai scaduto o se gli sono stati rifiutati la protezione internazionale  o lo status di richiedente asilo.
La prima opzione è quella dell’allontanamento.
La prima soluzione è che sia concesso un termine di 30 giorni allo straniero affinché lui possa autonomamente prepararsi per lasciare il paese.
Questo termine non  sarà concesso nel caso che questi sia una minaccia di ordine pubblico o che si comprenda la sua volontà di non lasciare il paese, come nel caso del clandestino che non abbia richiesto il rilascio di un titolo di soggiorno o di colui che si è già sottratto ad una precedente misura di allontanamento. Questa misura  sarà  applicabile anche d’ufficio. Determinate categorie di stranieri non possono essere colpite da queste pratiche, come ad esempio chi è genitore di un minore francese residente in Francia, chi è sposato da almeno 3 anni con un coniuge francese o che viva stabilmente nel paese da 20 anni. Lo straniero di norma è allontanato verso il suo paese di origine, verso paesi che gli abbiano già rilasciato permessi di soggiorno o paesi dove è legalmente accettato. Ovviamente non può essere indirizzato in nessuno stato dove la sua libertà o la sua vita risulterebbero in pericolo.
Ancora più pregnante invece è l’espulsione. Questa misura è adottata in casi estremi come un gravissima minaccia alla sicurezza sociale, come ad esempio  quelle provocate da attacchi con finalità terroristiche o da atti fortemente discriminatori. In questi casi saranno colpiti dall’espulsione anche gli stranieri che sono tutelati dall’allontanamento.

Coloro ai quali, nonostante, sia stata offerta la possibilità di preparare la loro partenza rifiutano di andarsene saranno dislocati nei  Centre de Retention administrative (CRA).  I migranti resteranno in questi locali per un tempo di 5 giorni per poi essere accompagnati o al paese d’origine o negli altri stati che si sono dati disponibili ad accogliere lo straniero. Il periodo di ritenzione può essere prolungato di 20 giorni su decisione del giudice della libertà e della detenzione. Questo stesso giudice può prolungare il soggiorno di altri 20 giorni in casi eccezionali, come l’impossibilità di scoprire l’identità dello straniero.  La durata della permanenza nei CRA non può essere superiore ai 45 giorni.
Gli stranieri durante questo periodo hanno 3 diritti fondamentali: quelli di essere informati, quello di essere difesi e quello alla salute. Il primo consiste nel spiegare in una lingua comprensibile a loro
il perché sono in ritenzione amministrativa ed il fatto che possono in ogni momento fare domanda di asilo. Per poter informare lo straniero dei suoi diritti eventualmente vi sarà un interprete a sua disposizione. Il diritto alla difesa consiste che in ogni CRA vi sono delle sale riservate ad associazioni e ad avvocati. Queste associazioni, tra cui la Cimade, che lavora nelle zone di Nantes e Bordeaux, sono finanziate dallo stato ed hanno il compito di seguire nelle pratiche amministrative e legali gli stranieri. Avvocati ed associazioni hanno il compito di ricordare a coloro che si trovano nei CRA che possono fare ricorso  verso ogni decisione giudiziale che li riguarda ed eventualmente di seguirli nel ricorso . Infine chi è in ritenzione ha il diritto ad essere curato ed a ricevere una visita medica durante la propria permanenza.
Ecco le condizioni di vita nei Centre de retention administrative. Ogni centro non deve contenere più di 140 persone, le quali dispongono di 10 metri quadrati a testa, uno in più dei carcerati. Ogni 52 persone vi è a disposizione un telefono, ed ogni 10 un bagno. Le camerate sono di 6 persone ciascuna e sono stabilite in base al sesso. Vi sono delle stanze per passare il tempo libero, delle medicine che sono accessibili a tutti e si può tranquillamente girare all’interno della struttura. La ritenzione nel CRA non è considerata detenzione, in quanto la detenzione è una misura di repressione verso chi commette un reato e nella maggior parte dei casi segue la decisione di un giudice che in questo caso non  è presente. La permanenza nei suddetti locali è quindi una misura esclusivamente amministrativa.
Il sistema dei centri di ritenzione amministrativa ha avuto numerose critiche, in particolar modo da parte delle associazioni che si occupano di sostegno ai migranti. La critica più frequente è quella che non è rispettato il limite delle 140 persone per struttura. La seconda riguarda le condizioni di vita all’interno delle strutture stesse, molte associazioni e la stessa Corte dei conti affermano che le condizioni di vita nei CRA sono totalmente disumanizzate.

Ultimamente due fatti di cronaca hanno coinvolto fortemente l’opinione pubblica e la società civile francese.  Gli avvenimenti di Calais e Ventimiglia.
Calais è una città portuale nel nord della Francia. La caratteristica che la contraddistingue rispetto alle altre città marittime è che dista solo 60 kilometri dal Regno Unito. Quindi molti migranti vi si dirigono con la speranza di abbandonare la Francia e di raggiungere  i loro cari che vivono oltre Manica. Il Regno unito però non vuole l’ingresso di extra comunitari nel suo territorio, respingendo  quindi chiunque cerca di arrivarci. A Calais quindi si è formata una tendopoli che ha ospitato addirittura fino a 6500 stranieri speranzosi di raggiungere il paese dei tre leoni.
In accordo con Uk la Francia ha sgomberato il campo profughi caricando le persone su pullman con il fine di portarli in 160 diversi centri di accoglienza presenti nel territorio francese. I migranti hanno fatto partire una protesta, a cui sono seguiti scontri con le forze dell’ordine che hanno fatto uso anche di gas lacrimogeno. L’obiettivo  dei profughi è quello di raggiungere la loro famiglia in Inghilterra e non di restare in Francia. A causa di questi scontri vi è stato un incendio nella tendopoli, dovuto all’ esplosione di una bombola di propano. Al momento vige un accordo bilaterale tra Francia e U.K., che prevede la possibilità di ricongiungimento parentale da parte dei minori che hanno parenti oltre manica.
Ventimiglia, invece, è la città di frontiera tra Italia e Francia. Da lì transitano i profughi che vogliono lasciare il Bel Paese per raggiungere il territorio francese, profughi che la Francia respinge. La Francia secondo diritto può legittimamente respingerli in quanto, in base ai criteri del regolamento di Dublino, molto spesso è il paese d’ingresso ad essere competente dello studio della richiesta d’asilo. La problematica è che i migranti non  vogliono rimanere in Italia, quindi tentano in ogni modo di superare il confine, anche a costo di attraversare rotaie e passaggi  a livello. Sempre più spesso accade che di notte, a causa della scarsa luminosità, i macchinisti della Societé National Chemin du Fer non riescano a frenare in tempo il treno, provocando cosi la morte di numerosi stranieri. Al momento vi sono numerosi scioperi da parte del personale ferroviario francese.
Ventimiglia ci porta a ragionare anche sui cosidetti crimini di solidarietà. Il crimine di solidarietà in questione è il favoreggiamento all’immigrazione clandestina. La pena per il delitto in questione è quella di 5 anni di carcere et 30’000 euro di ammenda. L’articolo 622 del nostro C.E.D.S.A sottolinea come siano colpevoli di questo reato tutte le persone che donino, in cambio di una retribuzione, trasporto, alloggio o  vitto ai migranti extracomunitari desiderosi di entrare in Francia. Su questa linea è di vitale importanza il caso Cedric Errou. Cedric Errou è un agricoltore che si è preso carico di aiutare dei migranti dando loro, vitto e alloggio. Non avendo agito con fine di lucro egli non è stato giudicato colpevole di favoreggiamento all’immigrazione clandestina, ma ha comunque subito un’ammenda amministrativa di 3’000 euro. Una cifra che pesa in modo abbastanza ingente sulle economie di un agricoltore.

Essere europeo

di Federico Ticchi

Oggigiorno, soprattutto per noi giovani, considerarsi europei è abbastanza difficile. Le crisi non soltanto economiche, ma anche culturali e politiche, ci allontanano sempre di più dall’ideale dell’unitarietà europea. Proprio pochi giorni fa abbiamo assistito alla battaglia fra Merkozy e Cameron, ossia fra l’asse franco-tedesco e la Gran Bretagna, conclusosi con una frattura tra le cancellerie e con l’uscita di scena del Regno Unito dal nuovo scacchiere europeo in fieri. Sarkozy, sintetizzando il Consiglio Europeo e ciò che ne era uscito, ha tranquillamente affermato che “esiste un’Europa a due velocità”. Questa dichiarazione è quanto di più grave potesse verificarsi. E mette paura che sia stato proprio Sarkozy ad esternarla. Sicuramente tra i sogni della coppia Merkel-Sarkozy vi era quello di essere ricordato come i salvatori dell’Europa dalla terribile crisi del 2011. Invece, molto probabilmente saranno ricordati come coloro che diedero il colpo di grazia alla stessa Unione. Che sia chiaro, né a Sarkozy né alla Merkel interessa nulla della vitalità e dell’esistenza dell’Unione se non in un’ottica prettamente nazionale. Infatti, se il fallimento economico dell’UE non determinasse anche un fallimento di Francia e Germania, avrebbero lasciato tranquillamente che la barca europea affondasse senza preoccuparsi della sorte dei suoi viaggiatori. Ma così non è, e quindi, per evitare che anche le proprie nazioni collassassero, con piglio decisorio hanno assunto l’onore di definire le sorti europee. Sbagliando tutto.

Sono sbagliati i vertici a due tra Sarkozy e Merkel, nei quali definiscono una propria linea comune che poi sottopongono al resto dell’Europa sotto forma di ricatto, forti del fatto di essere le due economie più potenti del continente. Ma l’unione Europea non ha un suo presidente, il belga Van Rompuy? E allora perchè alcuni governanti si arrogano il diritto di decidere per gli altri? Chi sono la Merkel e Sarkozy? Forse bisogna spiegare loro che l’Unione Europea non è una propaggine dei confini dei rispettivi Stati, non è solo un bacino economico da sfruttare per i propri commerci. L’Unione Europea è prima di tutto un’idea, che si prefigge fra i suoi punti di arrivo non solo un’unione economica, ma anche sociale e culturale. Il protagonismo di Merkozy ci porta all’altro problema dell’UE: la mancanza di “governance”. Quando nel 2009 è entrato in vigore il Trattato di Lisbona, si evidenziavano un paio di figure a livello europeo che avrebbero dovuto conquistare protagonismo continentale per garantire l’unitarietà delle decisioni politiche, evitando frammentazioni e togliendo autorità all’antidemocratico Consiglio Europeo (strumento di sottomissioni dei governi più forti verso i più deboli). Queste due figure erano il Presidente dell’Unione Europea e l’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, per quanto riguardava le politiche estere. Al momento di decidere a chi affidare questi delicatissimi incarichi che avrebbero dovuto modificare l’assetto decisionale dell’UE, i governanti degli Stati membri si sono ben guardati dall’affidarli a personalità importanti, competenti e con una grande autorità a livello mondiale. Presidente divenne Herman Van Rompuy e Alto Rappresentante  Catherine Ashton. Van Rumpoy, che dovrebbe temperare e mediare le differenze europee, non è stato neppure in grado di trovare una soluzione al conflitto politico fra francofoni e valloni nel suo paese, il Belgio, tanto più che si è poi dimesso da premier. Ashton che, nel suo discorso d’insediamento, affermò con grande naturalezza di non essere una grande conoscitrice delle relazioni internazionali ma che comunque si sarebbe messa sotto ed avrebbe studiato. Come prego? Finalmente l’UE crea una figura fondamentale nello scacchiere delle politiche mondiali, con l’obiettivo di unificare la voce europea nell’azione estera, e viene affidata  a qualcuno che non conosce le relazioni internazionali? Kissinger, che nell’epoca della guerra fredda affermò “chi devo chiamare se cerco l’Europa?” ora forse affermerebbe che anche se in possesso del numero, non l’avrebbe mai chiamata.

Noi giovani abbiamo il dovere di sentirci europei, dobbiamo portare a compimento il disegno iniziato da Schumann, Adenauer, Spinelli. Siamo consapevoli della pochezza intellettuale e della inesistente lungimiranza degli attuali governanti europei, che invece di aver fatto progredire l’UE, l’hanno portata ad un arretramento. Non dobbiamo prestare orecchio alle illazioni dei movimenti nazionalistici, che offrono soluzioni ridicole, inconsistenti e retrograde. Dobbiamo invece essere attenti e quello che succede nell’ambito dell’UE, per essere pronti a denunciare ciò che riteniamo sbagliato ed antidemocratico. Non dobbiamo fidarci ma analizzare ogni singola presa di posizione, ogni singola affermazione che interessi l’Europa, perché esse intaccheranno anche la nostra esistenza quotidiana. La risposta alle sfide del presente non è un ritorno ai nazionalismi. È un’ Unione democratica e forte. Non certo come quella attuale.