Tag: Salvo Ognibene

La Chiesa di fronte alla criminalità organizzata

Un nuovo libro sui rapporti tra mafia e chiesa a cura del Prof. Antonello De Oto e Salvo Ognibene con gli autorevoli contributi di Vincenzo Bertolone, Domenico Bilotti,Luigi Mariano Guzzo, Corrado Lorefice, Giuliano Palagi, Michele Pennisi e Isaia Sales.

Il libro lo trovate anche su Ibs, Amazon, Feltrinelli, Mondadori…e dal vostro librario naturalmente

La Chiesa di fronte alla criminalità organizzata

A cura di Antonello De Oto e Salvo Ognibene

Il tema oggetto di questo studio a più voci, anche grazie alla nuova stagione inaugurata da Papa Francesco, è oggi a un positivo punto di non ritorno. La beatificazione di padre Puglisi e i diversi decreti emanati dai vescovi negli ultimi anni offrono l’occasione di riflettere su un tema tanto delicato quanto controverso e la scomunica del Pontefice ai mafiosi, come pure i diversi anatemi pronunciati contro la pratica della corruzione in questi primi anni del suo pontificato, pongono interrogativi a cui è necessario rispondere. Di questo cambio di passo della Chiesa e di quel sogno di una “Chiesa povera per i poveri” anche la società italiana è ora edotta e sembra oggi opportuno soffermarsi, grazie ai contributi di eccellenti studiosi, sulle nuove sfide offerte in questa fase dal diritto penale ecclesiastico.

Contribuiti di: Vincenzo Bertolone, Domenico Bilotti, Antonello De Oto, Luigi Mariano Guzzo, Corrado Lorefice, Salvo Ognibene, Giuliano Palagi, Michele Pennisi, Isaia Sales.

BUP – Bononia University Press © 2019, pp. 144, euro 22

SPORT E IDENTITA’ – La lotta alla discriminazione in ambito sportivo

copertina-sport-e-identita-la-lotta-alla-discriminazione-in-ambito-sportiv

Il libro, a cura del Prof. Antonello De Oto e con la prefazione di Vito Tisci, contiene al suo interno anche un capitolo del nostro Salvo Ognibene su “Sport ed etnia. Le politiche di non discriminazione per motivi razziali”.

 Il libro lo trovate qui

Il volume affronta dal punto di vista socio-giuridico il tema del valore dell’identità nello sport e dell’importanza di praticare attività sportive al fine di tutelare la differenza e sviluppare la capacità di conoscersi e stare insieme.

La lotta alla discriminazione nel mondo dell’associazionismo ludico, rappresenta una frontiera necessaria in una società che tende a volte a ghettizzare e dividersi. Lo sport, grande educatore e veicolo di valori positivi, è la nuova necessaria frontiera della tutela dell’interculturalità in una societas sempre più multietnica, multietica e multireligiosa.

Questa opera collettanea si avvale del contributo di giuristi che da diverse angoli di osservazione hanno saputo ricostruire la complessa tematica in oggetto: docenti universitari, avvocati, saggisti e giudici federali, hanno ricomposto quel mosaico di problematiche che le dinamiche della “glocalizzazione” portano sul tavolo della modernità, offrendo così al lettore, un quadro aggiornato delle novità e delle soluzioni poste in campo da chi è deputato a pensare e concretamente attuare politiche di contrasto a tutte le condotte devianti e discriminatorie nell’alveo della sana pratica sportiva.

Antonello De Oto è Professore Associato di Diritto Ecclesiastico italiano e comparato e Diritto delle religioni presso le Scuole di Giurisprudenza e di Scienze politiche dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Autore di diverse monografie, curatele e saggi su riviste italiane e straniere, è responsabile studi e ricerche FIGC Settore Giovanile e Scolastico dell’Emilia-Romagna.

Interventi di: Antonello De Oto, Pasquale Caviano, Giuseppe Paccione, Maria Cristina Ivaldi, Nicola Fiorita, Massimo Giuseppe Adamo, Francesca Mollo, Salvo Ognibene.

Prefazione di Vito Tisci (Presidente Federazione Giuoco Calcio Italiana – Settore Giovanile e Scolastico)

Il primo martire di mafia. Il nuovo libro del nostro Salvo Ognibene

Copertina small- Il primo martire di mafia

E’ stato pubblicato in questi giorni il nuovo libro di Salvo Ognibene, già autore del saggio “L’eucaristia mafiosa – La voce dei preti”“Il primo martire di mafia – L’eredità di Padre Pino Puglisi”, è stato scritto a quattro mani con Rosaria Cascio, che con il beato palermitano ha instaurato un rapporto di amicizia terminato solo con l’uccisione del sacerdote per mano mafiosa e di cui ricorrerá l’anniversario della nascita e della morte proprio il prossimo il 15 settembre.

Il libro, già nella top ten dei 10 libri più venduti nelle librerie cattoliche secondo Toscana Oggi, è stato pubblicato per le Edizioni Dehoniane, casa editrice cattolica che, nata subito dopo il Concilio Vaticano II, conta oggi più di 3.000 pubblicazioni e tante firme illustri trova nella prefazione di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, una sorta di spinta ad essere coerenti perché ciò che viene ereditato va meritato e custodito. Anche e soprattutto in questo caso.

Il libro si interroga su cos’è cambiato dopo la morte di padre Pino Puglisi, ucciso a Palermo da Cosa nostra il 15 settembre 1993 per il suo impegno evangelico e sociale? Il primo martire della Chiesa ucciso dalla mafia, proclamato beato nel 2013, ha lasciato una sfida da raccogliere: l’elaborazione di una pastorale più vicina agli ultimi e capace di fronteggiare i fenomeni mafiosi, soprattutto quelli di natura culturale. Dalle parole di condanna di Giovanni Paolo II a quelle di scomunica di Papa Francesco si è realmente passati, nella Chiesa, «dalle parole ai fatti»? I sacerdoti e le comunità cristiane sanno come comportarsi in modo evangelico di fronte alla prepotenza mafiosa? Esistono esempi di buone pratiche cristiane, che potrebbero essere riprodotte in contesti simili?

In occasione dell’uscita del libro viene lanciato il sitowww.chiesaemafia.it

Diversi incontri a Bologna e in Emilia per il nostro Salvo Ognibene

Salvo Ognibene, fondatore del nostro sito e autore del libro “L’eucaristia mafiosa – La voce dei preti” torna in Emilia Romagna per diversi eventi in giro per la regione.

Salvo-Ognibene-ed-il-suo-bel-libro

19 GENNAIO, REGGIO EMILIA

Sarà insieme a don Giacomo Panizza a

Barco di Bibbiano ore 20:30

Correggio (Einaudi) ore 11:30

 

21 GENNAIO, REGGIO EMILIA

Negli stessi giorni sarà, insieme a don Giuseppe Livatino, anche a:

Correggio il 20 gennaio alle 20:30

Sant’Ilario il 21 gennaio alle 20:30

Polo Pastorale Reggio Emilia il 22 gennaio alle 20:30

“Una missione tra fede e diritto”

Rosario Livatino “martire della giustizia e indirettamente della fede”

 

Epoi

24 GENNAIO, PARMA con il nostro collaboratore Giuseppe Mugnano

27 GENNAIO, BOLOGNA (al liceo Righi)

29 GENNAIO, BRESCIA

2 FEBBRAIO, LIVORNO

3 FEBBRAIO, PISA

5 FEBBRAIO, BOLOGNA