Tag: spending review

International n° 2 February 2013

www.1025international.com

[issuu layout=http%3A%2F%2Fskin.issuu.com%2Fv%2Flight%2Flayout.xml showflipbtn=true documentid=130220223144-661055c7729e4988b01dc67623dd45a9 docname=international_-_february__2013 username=dvc.international loadinginfotext=N%C2%B0%202%20February%202013 showhtmllink=true tag=journalism width=420 height=297 unit=px]

 

Who wants a copy and can not download it here  (click) can request a

 

dvc.international@gmail.com

www.1025international.com

DIECI e VENTICINQUE

 

Giù le mani dalla “Catturandi”

 

Qui la pagina Fb dove seguire tutti gli aggiornamenti

Firma la petizione, è importante.

Squilla il telefono. Rispondiamo. “Smantellano la “Catturandi”, diamoci da fare. Ci sentiamo dopo”.

Cerchiamo notizie su internet, facciamo qualche chiamata. Niente. Niente di Niente.

L’unica cosa che troviamo è un comunicato della segreteria provinciale del SIAP di Palermo (qui).

 

Questore e Dirigente della Mobile di Palermo iniziano a smantellare di fatto la CATTURANDI, già la mitica CATTURANDI, squadra formata da quegli uomini sulle cui fatiche e sacrifici si sono, anche, fondate le carriere e le fortune di molti Dirigenti. Sarà un caso che lo smantellamento di questa squadra avvenga per mano del primo che non ci ha ricavato un ragno dal buco?”

 

Parole durissime. Pesanti. Motivazione ufficiale? Spending review, tagli.

Tagli? La crisi economica è un toccasana per le mafie che riciclano ed investono nei settori in crisi e a Roma che fanno? Tagliano i fondi alla giustizia, alla struttura voluta da Giovanni Falcone, la DIA, alla “Catturandi” di Palermo. Non tagliano la mala-amministrazione, le poltrone in più, gli sprechi, gli F-35. No.

Tagliano i letti d’ospedale, le borse di studio e chiudono la “Catturandi”.

 

Abbiamo ancora vive le immagini festanti della parte sana della gioventù di Palermo adunatasi sotto la Squadra Mobile. Eravamo lì quando con cori da stadio i giovani, che credevano possibile e volevano una Palermo migliore, inneggiavano alla cattura di Provenzano, dei Lo Piccolo, di Pulizzi, Adamo, Nicchi, Raccuglia…fino all’ultimo recente arresto in Venezuela di Bonomolo. Segno dei tempi che cambiavano, segno di un mondo in evoluzione di una Palermo ogni giorno più solare. Non era solo un reparto della Mobile da incardinare in un’ottica spartitoria di risorse e compiti, é stata ed é il segno che la mafia poteva essere sconfitta, che i suoi mostri sacri non erano intoccabili, che vincere era possibile, che IL SANGUE DEI TROPPI COLLEGHI CHE CI HANNO PRECEDUTO NON ERA STATO VERSATO INVANO. Sulle fredde scrivanie dei ragionieri delle ragioni dei conti e degli “straordinari” e delle “missioni” tutto ciò non é valso a nulla”.

 

La  “Catturandi” sono persone che hanno dedicato la loro vita allo Stato, al loro lavoro.

Non sappiamo se siano uomini o donne, non sappiamo nulla.

L’unica cosa che ci è concessa sono i loro occhi. Gli occhi della Sicilia che vuole cambiare.

Non possiamo accettare tutto questo in silenzio.

Vogliamo delle risposte, dal Questore di Palermo (questore.pa@poliziadistato.it) e dal Ministro Cancellieri (scrivialministro@interno.it).

 

Questa  è una questione che riguarda i mezzi per la lotta alla mafia e che quindi riguarda

TUTTI  I CITTADINI”.

 

Giù le mani dalla “Catturandi”.