Tag: turisti

Wild until the night is over

Foto di Paolo Zapparoli
Articolo di Diego Ottaviano

da \”Avrei voluto un sogno\” marzo 2012

Camminate Signori e Signore! Camminate turisti! Camminate turiste! Camminate tra le ombre della rugiada. Fatelo in quel tugurio che il vecchio Dylan annoterebbe sinonimo di ‘Desolation Row’. Muovete i vostri passi. Fatelo, con eleganza e papillon. Improvvisatevi moralisti nella Babele europea! Violentatela! Denigrate il prestigio dello zoccolo rosso, forse arancione, mai rosa. Uccidete la sinuosità della terra di tolleranza e apatia. Dimenticatevi dei canali. Cancellate dalla vostra memoria l’esistenza di ponti, biciclette e circonferenze straniere! Scordatevi dei mercati ritratti di tulipani, girasoli e grano. “La via della prostituzione” film del 1978, oggi è messa di sguardi, parole e dramma. Il dramma del “Siete ad Amsterdam”! Il dramma del non rispetto! Il dramma di una ragazza che paga l’affitto con la carne, la propria: cinquanta euro al chilo? Siete proiettati, verso una birra insaporita dal sultano e gioioso distendersi di nuvole giamaicane. Ryanair & EasyJet: turismo diversamente uguale. Dimenate i vostri polmoni tra cicoria, piscio, e mozziconi di sigarette! Rimbecillitevi davanti al capitalismo del sesso. Fatelo alla Chomsky, fatelo in massa, fatelo stupidamente. Guardate Amsterdam attraverso la vostra carta di credito. Monetizzate le mance con gli spiccioli di chi la vacanza la distende al devasto. Qui non si paga un canone che racconta farfalle. Qui le farfalle sono naturalmente, spettacolo e “Silenzio degli Innocenti”, televisione e Belen. Le disarmonie olandesi, conoscono il senso della chiarezza, della precisione, della semplicità. Le disarmonie sanno esser ovvie. Luce rossa per chi siede alla destra del padre: Roxanne. Luce blu per chi con il padre non ci parla più: Andrea. Chiedere al Gatto e alla Volpe il manuale delle istruzioni cromatiche. Muoversi dentro la seta di quegli occhi ingabbiati dal mito Barbie. Scrutarne i loro sorrisi straziati da danze asiatiche nella Venezia del Nord. Amsterdam non è castità. Amsterdam non è perfezione. Amsterdam sottolinea il ricordo di messe mascherate, labirinti bagnati e risate da manovale: Kubrick quanta ragione ti fu negata. Qui dove si impara ad aprire porte, dove si insegna a masticare, dove gli specchi hanno conosciuto il palato della vergogna, dove Biancaneve nutrirebbe sconcezza, dove l’amore svanisce al sorger d’escursioni mentali, qui dove il volare dei sogni si spegne davanti al secolare su e giù di pance e cadaveri, l’antropologia non ha sbagliato ed il richiamo di ‘House of the Rising Sun’ ed Animals, ancor non silenzia il proprio blues. In questo ‘antico novizio’ internazionalmente europeo, il ritmare dell’arte non sfocia in un film di Romero, né tanto meno in un libro di spiriti cileni. Qui l’arte è graffito di cani. Qui l’arte è regolata da pagine d’industria caraibica e democrazia del fai da te: bikini e lettini Ikea. Qui l’arte è… diciotto, diciannove, venti, trenta, talvolta cinquant’anni. Donne con passaporto politico e salute tassata. Donne che vestono il proprio corpo come uniforme, vigile, attenta ed agitata al dilemma della corruzione maschile. Alle volte ‘prostitute per scelta,’ private di quel romantico ricordo da ‘Vita dei campi’ e Verga. Il teatrino della Kidman che è sempre più vuoto, è ancor intitolato, anni 50’, Nabokov e Coca Cola. Nel Red Light District, Olympia sveste il quiete musicare di etichette retrò. Qui le donne sanno distinguere la bibbia dal vangelo. Qui le donne sanno riconoscere il fariseo mitigare di Maddalena ed il mito di pistole Western. Il loro cinema di trilogie De Beers è morto, straziato e sottotitolato alla pagina 777 del televideo. Loro, ritrovatesi PR del sesso, regnano quelle scatole d’asticelle Shanghai. Vergini, il cui amore ha fatto capolinea su di un’ovvia ricevuta regolata in euro, in dollari o stravaganti yen, Sayonara ‘Basic Instict’. Donne ‘for sale’. Donne da quindici minuti di pace, da quindici minuti di tregua, da quindici minuti di vendita. Donne che continuano la storia sontuosamente datata quindicesimo secolo. Donne che popolano un quartiere. Un quartiere poesia, dall’anonimo pesante che tace l’emozionante feeling di nudità e vesti. Red Light District, un po’ quadro senza cornice, un po’ quadro con troppi pittori. Tiziano, Manet, Botticelli, dove siete? Red Light District, una crociera nella negazione dell’amore vissuto da coloro che a San Valentino hanno cupidamente ricordato che ‘essa avrebbe dovuto esser, come sappiamo, la sposa di Cristo’, Dante.