Tag: voto

17 Maggio mobilitazione paneuropea #Boschifaccivotare (anche a Bologna)

voto fuori sede

 

 

Sabato 17 maggio appuntamento in Piazza Ravegnana (sotto le due torri) alle h. 17.30
Bologna (e anche nelle altre principali piazze italiane)
www.iovotofuorisede.it

Il Comitato Iovotofuorisede denuncia che ancora una volta oltre un milione di cittadini in mobilità non potranno partecipare alle elezioni Europee ed Amministrative 2014 a causa dell’incapacità della politica di rispondere alle esigenze di semplificazione che provengono dalla società. E’ inaccettabile che un Paese moderno non preveda delle normative che tutelino e garantiscano il diritto di voto di quella parte di cittadini che grazie alla loro mobilità garantiscono dinamismo e competitività alla nostra economia.

Nonostante gli impegni del Governo per bocca della ministra Boschi, a fronte delle nostre ripetute sollecitazioni su quando e in che modo il Governo interverrà al di là dei proclami, non abbiamo ancora ricevuto risposte.

Per questo il 17 maggio il Comitato Iovotofuorisede manifesterà in tutte le principali città italiane ed europee: in un urna simbolica ogni cittadino potrà infilare un messaggio che il Comitato recapiterà direttamente alla ministra Boschi affinché si attivi per inserire la tutela del diritto di voto in mobilità nella legge elettorale di prossima discussione in Senato.

Vogliamo che questa sia l’ultima volta che il nostro diritto di voto viene ignorato, la ministra Boschi si è impegnato ufficialmente, ora deve mantenere le promesse: da tutta Europa chiederemo #Boschifaccivotare!

Chi voglia attivarsi per organizzare nella città in cui si trova non esiti a contattarci all’indirizzo iovotofuorisede@gmail.com per avere i dettagli sull’organizzazione.

Legge elettorale: il Comitato Iovotofuorisede chiede un emendamento per il voto in mobilità

voto fuori sede

Ne avevamo già parlato qui e qui e ancora qui e qui e in altri e diversi articolo.

Riportiamo l’appello del comitato di Iovotofuorisede perchè non si possono lasciare fuori, ancora una volta e senza diritto di voto, un milione di cittadini e cittadine.

 

‘’La nuova legge elettorale non può lasciare fuori dalla democrazia oltre un milione di cittadini in mobilità che si trovano a vivere temporaneamente lontano dalla propria città di residenza, sia in Italia che all’estero.

Per questi cittadini, che contribuiscono in maniera determinante al dinamismo e alla competitività della nostra economia con la loro mobilità, risulta spesso impossibile recarsi alle urne il giorno delle votazioni.’’

Lo dichiara Stefano La Barbera, presidente del Comitato Iovotofuorisede, che ha lanciato una petizione on-line firmata da oltre 13.000 cittadini e che denuncia come soltanto l’Italia ad oggi non preveda modalità di voto a distanza all’interno dei propri confini nazionali.

‘’In tutta Europa questa categoria di cittadini è tutelata da apposite leggi. E’ ora di colmare questo anacronistico deficit democratico che affligge il nostro Paese -prosegue-La società moderna richiede un elevato grado di mobilità territoriale sia sul territorio nazionale che su quello estero per poterne cogliere le opportunità e la politica non può rimanere ferma di fronte a questi cambiamenti: chiediamo alle forze politiche di introdurre senza indugi nella legge elettorale un emendamento bipartisan che garantisca il diritto di voto in mobilità.

Questa è l’occasione per dimostrare che la politica può e deve rispondere alle esigenze che vengono dalla società civile in maniera rapida e incisiva, e per contribuire in maniera tangibile a riavvicinare il cittadino alle istituzioni democratiche.

E’ un dovere –sottolinea- specialmente nei confronti dei giovani che sono la fascia di popolazione più interessata da questo tipo di mobilità.

Cercheremo di farci sentire con tutti i mezzi a nostra disposizione, a partire dalla Rete dove è stata lanciata una campagna di sensibilizzazione con l’hashtag #iovotofuorisede”.

www.iovotofuorisede.it

Numero 13 febbraio 2013

 

” Voti a perdere”: Elezioni, politica e giovani

 

Chi volesse una copia e non riesce a scaricarla da qui (clicca)  può richiederla a redazione@diecieventicinque.it

Il nostro 2012 (qui)

 

DIECI e VENTICINQUE

Buona lettura